Cà da Noal - Casa Robegan

  • COMPLESSO CA' DA NOAL - CASA ROBEGAN - CASA KARWATH (via A. Canova, 38 - 31100 Treviso; tel. 0422/544895):
    acquisiti dall'amministrazione comunale nel 1935, i tre edifici adiacenti che prospettano sull'attuale via Canova mutarono più volte il loro originario assetto medievale, fino al recupero "in stile gotico", dovuto al restauro Melchiori - Botter del 1938. Divennero quindi sede, in quell'anno, del Museo della Casa Trevigiana, qui trasferito dagli spazi di Borgo Cavour. L’allestimento del settore identificabile con l'originaria Ca' da Noal ricreava infatti gli ipotetici ambienti di un'antica dimora, con la cucina al pianterrenoCortile interno di Ca' Da Noal e salotti, sala da pranzo e sala da musica al primo piano, arredata con mobili, quadri e oggetti vari.
    Durante i bombardamenti del 1944 fu semidistrutta, insieme a parte delle collezioni di arredi e suppellettili che ospitava, e venne in seguito ricostruita grazie ad un nuovo intervento di Mario Botter. A partire dagli anni Settanta fu riorganizzata, con apparati espositivi progettati da Carlo Scarpa, per ospitare mostre di arte del Novecento: memorabile quella dedicata a Gino Rossi nel 1974.
    Quindi, negli Anni Novanta, seguì un ciclo espositivo sulle ceramiche, i tessuti antichi e le altre sezioni delle civiche raccolte.
    Attualmente questi spazi sono chiusi al pubblico in attesa di adeguamento alle normative sulla sicurezza.
    La contigua porzione di Casa Robegan e l'intercomunicante salone al primo piano di Casa Karwath, corrispondono ad edifici, anch'essi di origine medievale, che presentano l'uno un'importantissima facciata rinascimentale affrescata, e l'altro un'elegante facciata neoclassica. Sono stati oggetto nel 1995 dell'avveduto e razionale intervento di restauro dell'arch. Bellieni, che ha consentito il pieno recupero di spazi destinati ora in prevalenza a mostre temporanee (vedi la sezione eventi).
    I giardini interni accorpati dei tre lotti edilizi sono inoltre utilizzati durante la stagione estiva per iniziative culturali di varia tipologia.



Come raggiungere le altre sedi dei Musei Civici trevigiani